Home | tutti gli itinerari | Castro

Castro

L'etimologia del nome ci anticipa le origini e la natura di questo borgo. Già roccaforte romana, conobbe il suo massimo splendore durante il medioevo. La città fortificata aveva il suo centro nevralgico  nel maestoso castello: ritenuto inespugnabile sia per la posizione (costruito su di un promontorio protetto da un verso dal mare dall'altro da uno scosceso terrapieno) sia per la solidità dell'edificio stesso. Tortuose stradine vi condurranno davanti a questa meraviglia architettonica, accessibile dopo i recenti restauri.

Luoghi di interesse
La Cattedrale di Castro, a croce latina, fu costruita nel 1171 sulle rovine di un tempio greco. Si compone di una sola navata terminante in tre absidi. I continui interventi e rifacimenti nel corso dei secoli, hanno sensibilmente alterato la struttura originaria in stile romanico.

La Cattedrale è formata da due zone: una parte anteriore, rifatta più volte sino alla sostituzione del suo tetto in legno nel 1600, e da una parte posteriore, cui si accede tramite sette scalini, formata da due cappelle e dall'altare centrale. L'altare centrale fu fatto costruire, in stile barocco, dai vescovi De Marco e Capreoli ed è arricchito da due tele di diverse dimensioni ritraenti la Madonna Annunziata, protettrice della città.

All'esterno sono presenti i resti di quella che doveva essere una cripta bizantina in origine totalmente affrescata. Addossato alla cattedrale sorge l'ex palazzo vescovile. Dal 1818 l'edificio svolge la sola funzione di Chiesa Madre della cittadina.

Castello
Il castello risale al XIII secolo e fu costruito sui resti di un edificio bizantino. Nel 1480, in seguito al saccheggio di Otranto, la città fu invasa dai Turchi ed il castello venne semi distrutto.
Il castello risultava composto da un ingresso protetto da un fossato e da ponte levatoio, ormai rimosso. Entrando si trova un cortile destinato al deposito di prodotti agricoli che venivano commercializzati, e un'ampia scala con la quale si accede ai piani superiori. Nel cortine si affacciano inoltre le porte delle stanze del piano terra. La stanza di ponente si affaccia sul mare ed è dotata di un accesso esterno che porta agli orti sottostanti. La stanza di levante, è andata persa.
Il centro storico conserva inoltre il suo impianto medievale con strettissime stradine e case a corte.

I resti delle Mura

La cinta muraria che racchiude Castro, l'antica Castrum Minervae, si sviluppa per un perimetro complessivo di circa 700 metri ed è rafforzata dal poderoso castello e da alcune torri. La manutenzione delle mura, fu assicurata dal feudatario sino al 1806, anno in cui fu abolita la feudalità. Gran parte delle mura furono nel corso dei decenni utilizzate come fondamenta delle case perimetrali dell'antico abitato; restano comunque lunghi tratti di cortina e tre torri di varie dimensioni e forma. L'ingresso a Castro Alta avveniva e avviene tutt'ora, attraverso l'unica entrata, la cosiddetta Porta Terra, di cui è rimasto soltanto il nome, non essendoci più nessuna porta. Il nucleo antico di Castro costituisce l'unico esempio, nell'intera provincia, di cittadella fortificata situata su un'altura rocciosa prospiciente il mare.

Natura
Dall'ottobre 2006 parte del suo territorio rientra nel Parco Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase istituito dalla regione Puglia.

Grotte
Sulla costa, si trova la grotta Zinzulusa, unico sito carsico italiano tra i dieci mondiali segnalati dal KWI come meritevole di tutela. Esistono inoltre altre grotte, come la grotta Romanelli e la grotta Azzurra.

Parco della Scarra
Il Parco delle Querce o dello Scarra è ubicato a Ovest dell'abitato, in un'area cinta da muretti a secco. E' un bosco di lecci di notevole interesse, anche perché rara testimonianza dei lembi boschivi lungo la fascia costiera orientale del Salento.
Panorama del Monte Mattia, al centro a destra il Parco Scarra è diviso in due parti: una pianeggiante a nord-est ed una rocciosa e scoscesa a sud-ovest, quest'ultima presenta un canale che costituiva il letto di un fiume. La parte pianeggiante è caratterizzata dalla presenza di notevoli esemplari di leccio.
Il bosco, inoltre, ospita un numero elevato di specie animali, fra le quali il pettirosso, la tortora, l'occhiotto, l'upupa, la civetta, il fringuello e l'usignolo.

Eventi
L'evento principale della cittadina di Castro è sicuramente la festa patronale in onore di Maria Santissima Annunziata, del 24-26 aprile: nella sera del 24 aprile si svolge una gara di fuochi pirotecnici a cui segue la "sagra del pesce a sarsa".

Dove dormire

Dove mangiare

Nessun esercizio presente

Dove comprare

Nessun esercizio presente