Home | tutti gli itinerari | Racale

Racale

Racale è una città del Salento sud-occidentale in Provincia di Lecce.
Fu feudo per oltre 200 anni di un ramo della nobile famiglia ravellese della Marra, i cui principali esponenti furono Pietro, 1° signore di Racale attorno al 1250, figlio di Risone I, Tesoriere reale di Carlo I d'Angiò (nominato il 4 maggio 1278); Mastro portolano del Reame (1271); 1° Signore di Serino.

A Pietro successe il nipote Risone II, Viceré per il Re Roberto II d'Angiò e 2° Signore di Racale. Della dinastia conosciamo Riccardo, 6° Signore di Racale, la cui sorella sposò Carlo Maramonte, Signore di Campi e altre terre nel Salento, tra cui Castrignano e Pulsano, e la cui figlia fu sposata nel 1417 a Jacopo della Ratta, ciamberlano della regina Giovanna II. Ultimo discendente del ramo fu un altro Riccardo, morto nel 1470, i cui figli, Giovanni e Menga, non ereditarono alcun feudo perché già alienati. Il Comune ha dedicato la via De Marra a questa famiglia.

Il Castello baronale
Importante è anche la presenza del Castello baronale situato all'interno del centro sorico di Racele. Parte dell'attuale costruzione risale agli inizi del secolo XV ad opera del barone Puccio di Tolomei, durante la dominazione degli angioini. E' probabile, tuttavia che il castello dei Tolomei sorgesse su un preesistente maniero.

Oggi il castello si presenta molto diverso da come era originariamente ed assume l'aspetto di un palazzo signorile, e ben poco resta dell'antico fortino con funzioni prevalentemente difensive.
L'attuale ingresso del castello è costituito da un importante portale preceduto da un ampio spazio lastricato. E' stato realizzato, insieme ad altre parti dell'edificio, nel 1770 dai baroni Basurto che lo hanno fatto sormontare dallo stemma della propria famiglia.

La marina di Racale prende il nome di Torre Suda
Torre Suda è una frazione del comune di Racale, in provincia di Lecce. Si trova nel Salento sud-occidentale e prende il nome da una torre costiera a forma circolare, alta 13,5 metri, costruita nel XV secolo a baluardo delle scorrerie dei turchi.

Il mare pulito, le piccole baie naturali e la macchia mediterranea ne fanno una meta turistica estiva di rilievo lungo la costa ionica salentina.

La piccola chiesetta situata di fronte alla piazzetta San Marco è dedicata alla B.V. Maria Stella del Mare. Da poco è stata eletta a sede parrocchiale, la cui festa si svolge il prima domenica dopo ferragosto con la tradizionale Cuccagna a mare, nel cosiddetto "Canale t'urpe" (Canale della volpe).

Dove dormire

Nessun esercizio presente

Dove mangiare

Nessun esercizio presente

Dove comprare

Nessun esercizio presente